Vivere all’altezza di morte

Note cliniche sulla connessione tra trauma infantile, PTSD legato a traumatismi bellici e sua riattivazione a distanza

Leali P., Barbieri S., Capra B., Aroasio P.L.

Il presente lavoro, partendo dall’osservazione di un caso clinico ampiamente modificato per tutelarne l’assoluta segretezza e non riconoscibilità, intende esplorare la connessione fra traumatismi infantili, PTSD secondario ad esperienze belliche e comparsa di una psicopatologia a distanza, anche dopo anni di remissione dal PTSD, in relazione ad eventi di vita successivi che riattivano, àpres-coup , i livelli traumatici precedenti.
Si tratta dunque di un case report che consente di evidenziare almeno tre livelli di traumatismo: infantile (primario), bellico (secondario) e post bellico (terziario). Alla descrizione clinica affianchiamo una revisione della letteratura inerente l’indagine sui 3 livelli di questa correlazione da un punto di vista epidemiologico, clinico (case reports) e nosografico. Intendiamo evidenziare alcune lacune della letteratura e suggerire prospettive per la ricerca.

Fa parte del numero

Anno XXXV • n. 1

Gennaio – Giugno 2022

ALTRI ARTICOLI DELLO STESSO NUMERO

Stati mentali a rischio: traiettorie diagnostiche e trattamentali

Ognuno sta solo sul cuor della terra trafitto da un raggio di sole: ed è subito sera (S. Quasimodo)

di Cerveri G.

Anno XXXV Gennaio – Giugno 2022

Applicazione del modello della coalizione comunitaria in un servizio di salute mentale per i giovani

La Coalizione Comunitaria CPS Giovani-Contatto

di D'Avanzo B.

Anno XXXV Gennaio – Giugno 2022

Inclusione territoriale di migranti forzati con disagio psichico

Implementazione di un modello sperimentale di interventi integrati per la diagnosi precoce, abilitazione e riabilitazione

Leon E.

Anno XXXV Gennaio – Giugno 2022

Vivere all’altezza di morte

Note cliniche sulla connessione tra trauma infantile, PTSD legato a traumatismi bellici e sua riattivazione a distanza

di Leali P.

Anno XXXV Gennaio – Giugno 2022