L’agonia della psichiatria di Eugenio Borgna

Commento

Borgna, in questo come in altri suoi precedenti libri, richiama la nostra attenzione sul fatto che è necessario, affinchè la psichiatria esca dalla sua fase “agonica”, ridare voce alla sua dimensione umana e sociale, senza farsi sedurre dai progressi neuroscientifici e tecnologici dei quali in certe situazioni deve fruire, senza però diventarne subalterna.

Fa parte del numero

Anno XXXV • n. 1

Gennaio – Giugno 2022

ALTRI ARTICOLI DELLO STESSO NUMERO

Verso una Agenzia Nazionale per la Salute Mentale

A chi esita: dici per noi va male. Il buio cresce, le forze scemano. Dopo che si è lavorato tanti anni, noi siamo ora in una condizione più difficile di quando si era appena cominciato (B. Brecht)

di Claudio Mencacci

Anno XXXV Gennaio – Giugno 2022

Ogni cura ha una storia

Le forme della cura

di Rabboni M.

Anno XXXV Gennaio – Giugno 2022

Ugo Cerletti nel secolo breve

La figura di Ugo Cerletti nella prima metà del 900

di Carlo Patriarca

Anno XXXV Gennaio – Giugno 2022

Il progetto adolescenza, disagio giovanile, territorio

Amplificare il modello della Coalizione Comunitaria

di Cerati G.

Anno XXXV Gennaio – Giugno 2022